Illustrazione di un ascesso dentale in un dente.

Ascesso dentale | Visita completa

L’ascesso dentale è uno dei problemi dentali più spiacevoli che si possano incontrare. Si tratta di un’infezione batterica che provoca un accumulo di pus in varie parti del dente o nelle sue immediate vicinanze. Un ascesso dentale può colpire qualsiasi parte del dente e causare un’ampia gamma di sintomi, da un dolore lieve a un forte disagio e persino alla malattia.

L’infezione è solitamente il risultato di una carie profonda, di un danno al dente o di precedenti interventi odontoiatrici non completamente riusciti.

Illustrazione di un ascesso dentale in un dente.

Come si forma un ascesso dentale?

Un ascesso dentale è causato da un’infezione batterica che penetra attraverso lo smalto e la dentina fino alla polpa del dente. Spesso la causa di questo tipo di infezione è la scarsa igiene orale, che favorisce l’accumulo di placca e la formazione di carie. Una volta che i batteri raggiungono la polpa, che contiene nervi e vasi sanguigni, inizia un processo infiammatorio che può portare alla morte del tessuto pulpare e alla formazione di un ascesso. È importante rivolgersi al dentista al primo segnale di problemi, perché un trattamento precoce può prevenire ulteriori complicazioni.

Anatomia del dente e il suo ruolo nella formazione dell’ascesso

Un dente è composto da diversi strati: lo smalto in superficie, la dentina sotto lo smalto e la polpa al centro, dove si trovano i nervi e i vasi sanguigni. Ciascuno di questi strati svolge un ruolo di protezione del dente da infezioni e danni. Tuttavia, una carie profonda o un trauma possono permettere ai batteri di penetrare gli strati protettivi e raggiungere la polpa, con conseguente infiammazione e formazione di ascessi.

Tipi di ascessi dentali

Esistono quattro tipi principali di ascessi dentali:

Ascesso periapicale: questo tipo di ascesso si sviluppa all’estremità della radice del dente. Si verifica quando un’infezione batterica proveniente dalla polpa raggiunge la punta della radice. Gli ascessi periapicali sono tra i più comuni e vengono solitamente trattati con un trattamento endodontico, che prevede la rimozione della polpa infetta e la pulizia dei canali radicolari.

Ascesso parodontale: questo tipo di ascesso colpisce i tessuti intorno al dente che ne sostengono la struttura, come il parodonto e l’osso alveolare. Gli ascessi parodontali possono verificarsi a causa di una malattia parodontale avanzata, in cui le tasche profonde permettono l’accumulo di batteri. Il trattamento spesso prevede la pulizia dell’area infetta e, in alcuni casi, l’intervento chirurgico per rimuovere il pus.

Ascesso gengivale: questo tipo di ascesso è limitato alle gengive e non interessa il dente o la radice. Gli ascessi gengivali si verificano di solito quando un corpo estraneo, come la placca o il cibo, provoca un’infezione nelle gengive. Il trattamento prevede la rimozione del corpo estraneo e la pulizia dell’area per eliminare l’infezione.

Pericoronite: la pericoronite è un’infiammazione del tessuto che circonda un dente parzialmente erotto, spesso un dente del giudizio. Sebbene la pericoronite non sia di per sé un ascesso, nei casi avanzati può portare allo sviluppo di un ascesso se l’infezione penetra più in profondità nei tessuti.

Ognuno di questi tipi di ascesso richiede un approccio specifico al trattamento e un’azione tempestiva per prevenire la diffusione dell’infezione e ulteriori complicazioni. È importante rivolgersi all’odontoiatra al primo segnale di problemi.

Una persona di sesso femminile con dolore ai denti a causa di un ascesso dentale.

Sintomi e segni che indicano la presenza di un ascesso dentale

I sintomi e i segni di un ascesso dentale possono variare a seconda del tipo di ascesso e della gravità dell’infezione, ma alcuni dei più comuni sono:

  • Dolore: un dolore forte e costante è uno dei sintomi più caratteristici di un ascesso dentale. Il dolore può peggiorare quando si mastica o si fa pressione sul dente. Può essere acuto, pulsante o doloroso e spesso viene avvertito nel dente, nella mascella, nel collo o nell’orecchio del lato colpito.

  • Sensibilità al caldo e al freddo: un ascesso dentale può causare una maggiore sensibilità agli stimoli caldi e freddi, che può provocare dolore quando si bevono o si mangiano bevande e cibi caldi o freddi.

  • Gonfiore del viso o delle gengive: l’infezione può causare un gonfiore visibile sul viso, nell’area intorno al dente interessato o sulle gengive. Il gonfiore può essere morbido al tatto e talvolta accompagnato da una sensazione di calore.

  • Aumento della sensibilità al tatto e alla pressione: l’area interessata può diventare molto sensibile, tanto che anche un tocco delicato o una piccola pressione causano dolore o fastidio.

  • Febbre: l’infezione può anche causare una reazione sistemica nell’organismo, che si manifesta con la febbre.

  • Alitosi o cattivo sapore in bocca: la presenza di un ascesso può causare un cattivo sapore in bocca o un alito cattivo a causa del pus e dell’attività batterica.

  • Difficoltà ad aprire la bocca: in alcuni casi, il gonfiore o il dolore associati a un ascesso possono rendere difficile l’apertura della bocca.

È importante rivolgersi all’odontoiatra al primo segno di uno di questi sintomi, poiché gli ascessi dentali non guariscono da soli e possono portare a gravi complicazioni se non trattati.

Diagnosi di un ascesso dentale

Di solito inizia con un’accurata visita odontoiatrica, durante la quale il dentista valuta i sintomi e controlla la presenza di gonfiore, dolore o pus nella cavità orale. Il dentista può anche controllare la sensibilità del dente al tatto e alla temperatura e valutare lo stato generale dell’igiene orale e la presenza di eventuali malattie dentali.

Radiografie ed esami di laboratorio

Per confermare la diagnosi e determinare l’estensione dell’infezione si ricorre spesso alle radiografie, che possono mostrare la posizione dell’ascesso, la presenza di carie, eventuali problemi alle radici del dente e le condizioni dell’osso intorno al dente. In alcuni casi possono essere necessari anche esami di laboratorio, come l’analisi di campioni di sangue, per valutare i marcatori infiammatori e la presenza di un’infezione sistemica.

Donna sottoposta a visita odontoiatrica per un ascesso dentale.

Come si cura un ascesso dentale?

Rimozione e pulizia chirurgica dell’ascesso

Il trattamento di un ascesso dentale di solito prevede la rimozione della causa dell’infezione e il drenaggio dell’ascesso per rimuovere il pus. Ciò può comportare l’apertura chirurgica e la pulizia dell’area infetta o l’esecuzione di procedure odontoiatriche come il trattamento endodontico (trattamento del canale radicolare) per rimuovere la polpa infetta e prevenire ulteriori infezioni.

Il ruolo degli antibiotici e del trattamento canalare

Gli antibiotici possono essere prescritti per ridurre o eliminare l’infezione, soprattutto se l’infezione si è diffusa al di fuori del dente o se c’è il rischio che l’infezione si diffonda. Tuttavia, gli antibiotici vengono utilizzati in combinazione con altri trattamenti, come la terapia canalare, in cui la polpa infetta viene rimossa e poi il dente viene sigillato per prevenire ulteriori infezioni.

Opzioni di estrazione dei denti

Nei casi in cui non sia possibile salvare il dente o se l’infezione si diffonde, può essere necessaria l’estrazione del dente. L’estrazione è considerata l’ultima risorsa e viene effettuata dopo la rimozione del dente.

Come prevenire gli ascessi alle gengive?

La chiave per prevenire gli ascessi dentali è il mantenimento di una buona igiene orale, che comprende lo spazzolamento regolare almeno due volte al giorno con un dentifricio al fluoro, l’uso del filo interdentale per pulire gli spazi tra i denti e l’uso di un collutorio per ridurre i batteri presenti nella bocca. Inoltre, controlli dentistici regolari sono importanti per rimuovere la placca che può contribuire allo sviluppo della carie e della malattia parodontale, e per individuare e trattare i problemi precocemente, prima che si sviluppino in condizioni più gravi.

L’importanza del trattamento precoce di carie e gengiviti

Il trattamento precoce di carie e gengivite è essenziale per prevenire la formazione di ascessi dentali. La carie è uno dei principali punti di ingresso per i batteri che possono penetrare in profondità nel dente e causare l’infezione della polpa, mentre la gengivite, se non trattata, può progredire verso la parodontite, che può portare ad ascessi parodontali.

La prevenzione è la chiave per mantenere la salute orale ed evitare complicazioni come gli ascessi dentali. Essa comprende una cura regolare dell’igiene orale, visite presso OrthoDental per controlli e pulizie preventive e un trattamento tempestivo di eventuali problemi dentali.

Possibili complicazioni derivanti da un ascesso dentale non trattato

Gli ascessi dentali non trattati possono portare a complicazioni gravi, a volte addirittura letali. I batteri provenienti dall’area infetta possono diffondersi ai tessuti e alle ossa circostanti, causando un’ulteriore distruzione e la possibile perdita del dente. Inoltre, l’infezione può diffondersi nel flusso sanguigno e causare sepsi, una condizione che può essere pericolosa per la vita.

Un ascesso dentale non è solo un problema localizzato che causa dolore e disagio. Un ascesso dentale non trattato può potenzialmente causare gravi complicazioni per la salute, quindi è importante rivolgersi a un dentista al primo segnale di un problema. Un trattamento tempestivo ed efficace può prevenire complicazioni, preservare i denti e contribuire alla salute generale.

Ocena uporabnikov

Avtor prispevka

Gordana Čižmek

Gordana Čižmek

Gordana Čižmek è un'ortodontista, imprenditrice, madre e fondatrice del centro odontoiatrico OrthoDental, che ha studi in tutta la Slovenia. Nel suo tempo libero, ama fare escursioni in montagna, andare in bicicletta e passeggiare con il suo cane.


Una persona che tiene in mano il proprio apparecchio dentale Invisalign.
Gordana Čižmek

Istruzioni per un trattamento con Invisalign di successo

Congratulazioni, siete i nuovi proprietari di un apparecchio dentale Invisalign. Questo è il primo passo verso denti dritti e un bel sorriso. Per aiutarvi a raggiungere risultati soddisfacenti nel minor tempo possibile, abbiamo preparato alcuni suggerimenti sull’utilizzo di Invisalign e risposte alle vostre domande più frequenti.

Per saperne di più »
Torna su